DESIGNERS

Vico Magistretti

Laureatosi in architettura al Politecnico di Milano nel ’45, già nel 1956 è tra i soci fondatori dell'Associazione per il Disegno Industriale. L’attenzione di Magistretti per la casa e per l'abitare lo rende uno dei protagonisti del design degli anni ‘60 e ‘70. Il suo lavoro unisce i principi dell’architettura al design industriale, caratteristica che lo porta a progettare una serie di arredi ed oggetti che faranno storia, come, ad esempio, la lampada “Eclisse” (1966), la poltrona "Maralunga" (1973) e la lampada “Atollo" (1977), per i quali riceve il premio Compasso d’Oro. I riconoscimenti nel campo del design si moltiplicano velocemente: la medaglia d’oro dal SIAD (Society of Industrial Artists and Designers), l’elezione a membro onorario al Royal College of Art di Londra, e la partecipazione a conferenze e lectures in Europa, Giappone e Stati Uniti.
Nel 1997, il Salone del Mobile di Milano dedica al maestro una mostra monografica accanto a quella di Gio Ponti. Nel 2003 Palazzo Ducale di Genova ospita la mostra esclusiva "Vico Magistretti. Il design dagli anni Cinquanta a oggi", a cura della Fondazione Schiffini, e nello stesso anno è nominato membro del Comitato Scientifico della Fondazione Politecnico di Milano.
I suoi ultimi progetti di design sono stati presentati al Salone del Mobile del 2008, a due anni dalla sua scomparsa.
Ancora oggi, alcune sue opere sono esposte alla collezione permanente del MOMA di New York e in altri musei in America e in Europa.